Un fondo dedicato e un luogo sicuro in cui prenderci cura dei nostri studenti positivi al coronavirus: il "Covid-ostello".
13.253€ donati su 21.000€ di traguardo
12 Donors
190 Giorni
A seguito di un focolaio di coronavirus che purtroppo ha colpito alcuni dei nostri studenti ci siamo subito dati da fare per fornire una risposta immediata, raccogliendo tutte le competenze e la professionalità dei medici del nostro ospedale Benedict Medical Centre. In pochissimo tempo abbiamo convertito il nostro Ostello, che normalmente ospita gli studenti rimasti orfani e quelli provenienti dalle zone più remote dell’Uganda, in un luogo di accoglienza per i ragazzi risultati positivi al virus.
Per fortuna nessuno di loro ha manifestato una polmonite da Covid-19, ma per tenere sotto controllo la situazione abbiamo subito predisposto un programma di assistenza sanitaria. Il nostro personale medico si reca infatti al Covid-ostello due volte al giorno per monitorare la salute dei nostri studenti e somministrare loro le cure necessarie ad alleviare i sintomi: paracetamolo, ibuprofene e sciroppo per la tosse. Oltre a questo ogni giorno forniamo agli studenti ospiti del Covid-ostello tutti i presidi di prevenzione come guanti, mascherine e disinfettante per proteggere soprattutto chi di loro inizia a negativizzarsi.

Scopri le aree di intervento

Educazione

Orfani a causa di malaria, HIV e di una guerra civile durata decenni. Scuola pubblica e materiali con un costo.

Tutto ciò impedisce ai bambini e ai ragazzi il diritto allo studio e la speranza di una vita migliore.

Salute

Orfani a causa di malaria, HIV e di una guerra civile durata decenni. Scuola pubblica e materiali con un costo.

Tutto ciò impedisce ai bambini e ai ragazzi il diritto allo studio e la speranza di una vita migliore.

formazione e lavoro

Orfani a causa di malaria, HIV e di una guerra civile durata decenni. Scuola pubblica e materiali con un costo.

Tutto ciò impedisce ai bambini e ai ragazzi il diritto allo studio e la speranza di una vita migliore.

Condividi con gli amici

Educazione

Formazione e lavoro

whatsapp Facebook