“Un percorso per dare continuità ai progetti realizzati in Uganda”

La sua morte ha posto la domanda sugli assetti organizzativi più idonei per assicurare la sua continuità: è bene continuare come associazione o è meglio ragionare su una soluzione diversa? Nessuna forma giuridica può, naturalmente, sostituire la spinta ideale delle persone.
L’utilizzo intelligente degli strumenti del diritto può essere, nondimeno, un valido aiuto per favorire la continuità dell’opera. In questa prospettiva, alcuni assetti organizzativi consentono, meglio di altri, di conservare il patrimonio spirituale di una guida carismatica e di sviluppare l’opera che a questo patrimonio dà forma visibile.

Così accade per le fondazioni. La fondazione consente, infatti, di vincolare un patrimonio a uno specifico scopo: nel nostro caso, sostenere tutte le realtà che, direttamente o indirettamente, sono sorte dall’azione apostolica di padre Giovanni. In tal modo, il patrimonio presente e futuro della fondazione è destinato a essere la risorsa economica per le attività che già esistono in campo educativo, sanitario e assistenziale, come per quelle che nasceranno.
Per altro verso, le fondazioni sono caratterizzate dalla presenza di un solo organo decisionale – il consiglio di amministrazione – capace di assicurare efficienza e celerità di gestione a vantaggio dello sviluppo dell’opera. In un contesto difficile come quello africano, è così favorita la maggiore “presa” possibile sui problemi che, inevitabilmente, andranno affrontati nel tempo. Da ultimo, le fondazioni sono soggette a forme di controllo interno ed esterno, volte ad assicurare la coerenza tra le attività gestionali e gli scopi dell’ente. La conseguente necessità di un adeguato rendiconto di gestione garantisce tutti coloro che vogliano contribuire all’attività della Fondazione.
Per queste ragioni, su proposta del consiglio direttivo, l’assemblea dell’Associazione Italia Uganda ha deciso di trasformare l’ente in una Fondazione. Per i sostenitori dell’Associazione Italia Uganda e di padre Giovanni la trasformazione non comporta cambiamenti: il codice fiscale da indicare per il “5 per mille” rimane lo stesso; i benefici fiscali connessi alle donazioni rimangono i medesimi; le garanzie sulla destinazione dei fondi sono mantenute.
L’Associazione, in altre parole, ha cercato di fare “le cose per bene”.
Per la continuità dell’opera di padre Giovanni e per i tanti ugandesi che padre Giovanni ha servito con tutta la sua vita.
Andrea Perrone
Professore ordinario di diritto commerciale – Università Cattolica del Sacro Cuore

Post correlati

Cosa puoi fare tu

Dona ora

Duis mollis, est non commodo luctus, nisi erat porttitor ligula, eget lacinia odio sem nec elit.

Lasciti

Duis mollis, est non commodo luctus, nisi erat porttitor ligula, eget lacinia odio sem nec elit.

5x1000

Duis mollis, est non commodo luctus, nisi erat porttitor ligula, eget lacinia odio sem nec elit.

Scopri le aree di intervento

Educazione

Orfani a causa di malaria, HIV e di una guerra civile durata decenni. Scuola pubblica e materiali con un costo.

Tutto ciò impedisce ai bambini e ai ragazzi il diritto allo studio e la speranza di una vita migliore.

Salute

Orfani a causa di malaria, HIV e di una guerra civile durata decenni. Scuola pubblica e materiali con un costo.

Tutto ciò impedisce ai bambini e ai ragazzi il diritto allo studio e la speranza di una vita migliore.

formazione e lavoro

Orfani a causa di malaria, HIV e di una guerra civile durata decenni. Scuola pubblica e materiali con un costo.

Tutto ciò impedisce ai bambini e ai ragazzi il diritto allo studio e la speranza di una vita migliore.

Vuoi sostenere i nostri progetti?

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat

Supporta un bambino a distanza

Praise è una piattaforma digitale innovativa e trasparente che offre la possibilità di sostenere giovani studenti della scuola Bishop Cipriano Kihangire in Uganda.
Nasce con l’idea di portare il sostegno a distanza all’interno del panorama tecnologico attuale, aumentando non solo l’esperienza digitale del sostenitore, ma anche la trasparenza e la fiducia verso l’organizzazione, i docenti ed il personale coinvolto.
Attraverso video, foto, testi, disegni e chat potrai rimanere in contatto con l’alunno che deciderai di sostenere. Sarai partecipe della sua vita ogni giorno non solo formalmente ma anche umanamente.

Adatterai la tua donazione alle esigenze di crescita del bambino
w
Comunicherai realmente con il bambino nella massima trasparenza
Potrei seguire realmente i progressi disegnando foto, video, pagelle...

News

News

Condividi con gli amici

Education

Health

Vocational Training And Employment

whatsapp Facebook